Come si genera la neve?

Un fiocco di neve nasce quando il vapore acqueo attraversa l’aria e si condensa (passando dallo stato gassoso a quello solido) su una particella, formando così un cristallo di ghiaccio che si sviluppa gradualmente.

I due modi fondamentali in cui il vapore può condensarsi giocano un ruolo determinante nella forma finale del fiocco di neve.

Il primo modo è la formazione di “sfaccettature”, che sono essenzialmente facce piatte su una forma tridimensionale, simile a un prisma. Queste sfaccettature si sviluppano naturalmente durante la crescita del cristallo, riflettendo la forma delle molecole che compongono il ghiaccio congelato, caratterizzata da una struttura cristallina a sei lati. Questa simmetria a sei lati è la base della simmetria del fiocco di neve.

Il secondo modo è la formazione di rami, che dà origine ad affascinanti strutture simili ad alberi. I rami si sviluppano perché il vapore acqueo si condensa sulla prima superficie che incontra. Se ci sono piccole protuberanze sulla superficie del fiocco, il vapore si condenserà su di esse anziché proseguire. Queste protuberanze crescono ulteriormente, aumentando la probabilità di catturare più vapore acqueo e formando così un ramo.

Sebbene il fiocco di neve inizi generalmente come un prisma a sei facce, la sua crescita può oscillare tra la formazione di sfaccettature e la creazione di rami. Entrambi i processi possono anche verificarsi simultaneamente. Cambiamenti quasi impercettibili di temperatura e umidità nell’aria influenzano il comportamento delle molecole e la condensazione.

Un fiocco di neve che cresce in una nuvola, attraversa varie condizioni mutevoli. Quindi è molto improbabile che due fiocchi di neve sperimentino le stesse identiche condizioni fino al livello microscopico. Questo spiega perché non esisteranno mai due fiocchi di neve veramente uguali.

Alcuni studiosi hanno classificato oltre 3000 forme di cristalli della neve fresca.

Qual’è la condizione favorevole alla caduta della neve al suolo?

La sopravvivenza dei fiocchi durante la loro caduta, dipende principalmente dal livello dello zero termico (l’altezza rispetto al livello del mare), dall’altitudine al di sotto della quale la temperatura dell’aria passa da valori negativi a positivi.

In genere la neve è molto probabile in pianura se lo zero termico cade entro i 600m a seconda dell’intensità delle precipitazioni.

Se abbiamo l’ingresso di correnti molto calde in quota, mentre al suolo si presentano ancora temperature negative, avremo la pioggia ghiacciata o gelicidio. Le precipitazioni arrivando a terra formano uno strato di ghiaccio, molto pericoloso per tutti i veicoli che rende impraticabile le strade. Il peso di questo ghiaccio sugli alberi ne può portare alla caduta.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWSINSTAGRAM, TELEGRAM E YOUTUBE.

Federico Baggiani

Mi occupo di divulgazione scientifica nel campo della meteorologia, con attenzione particolare per temporali e fenomeni estremi. Gestisco i canali social di Tornado in Italia, Meteo in Italia e Meteopisano.

3 pensieri su “Come si genera la neve?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *